Maria Pia Rella espone su DIMENSIONE ARTE | Pag.1 ITALIANO

Le Opere

 - EVOCAZIONETitolo: EVOCAZIONE

Tecnica: Olio su tavola di legno
[cm. 102 x cm.122]
Anno: 2001

Note: L'Opera è stata dipinta con le dita

 - FUSIONE IDEALETitolo: FUSIONE IDEALE

Tecnica: Scultura
[cm. 20 x cm. 25 h. 20]
Anno: 2005

Note: Scultura patinata in creta bianca

 - Una giornata particolare dedicata all'emozioneTitolo: Una giornata particolare dedicata all'emozione

Tecnica: Scrittura- edito da Prospettiaeditrice
[cm. 20 x c.15]
Anno: 2004
Prezzo: 8 euro

Note: Prefazione di Clementina Magliulo Podo Il desiderio di Maria Pia Rella, espresso così chiaramente nella dedica di questo saggio-racconto, di ringraziare tutti coloro che hanno arricchito, con emozione e amore, la sua vita, è il preludio ad una composizione semi-lirica in cui tutti i sentimenti più puri dell’umanità sono individuati ed esaltati. Quest’artista che, nel corso della sua vita, ha profondamente sentito in sé il richiamo della spiritualità, ma anche dell’arte intesa come manifestazione concreta delle vibrazioni dell’anima, in questa sua opera si è rivelata al lettore con umiltà, ma anche con la consapevolezza della sincerità e giustezza del suo agire. Ella si svela nella sua interezza, senza tralasciare di sé nessun connotato e particolarità morale, ponendosi ad un livello di completa comprensione del suo sé e delle tematiche che l’hanno sempre sollecitata. E’ un libro aperto che va letto fino in fondo, perché solo così facendo, si può riconoscere in lei i meriti, le finalità, tutte quelle onde da cui è pervasa e nutrita. La creazione dell’Associazione “Laboratorio Emozionale” è il giusto compendio, è la meritata risposta a tutti gli interrogativi che Maria Pia si è sempre posta e ai quali ha voluto dare risposta con l’offerta del meglio di se stessa. Non è solo un luogo dove riunirsi, dove partecipare, dove creare, ma soprattutto dove riuscire a comprendersi e a comprendere che la vita è dono, anche se greve e difficile, è un passaggio, anche se breve e dai percorsi tortuosi, è un mezzo incommensurabile se vista nella giusta luce e con i richiesti traguardi. Maria Pia, con l’aiuto dell’amica Marina, con quest’associazione ha messo a disposizione di chi chiede aiuto e comprensione la ricchezza dei colori della sua arte pittorica, l’energia emanata dal suo tratto vigoroso, l’amalgama indissolubile tra gli slanci armonici della scultura di Marina e quelli travolgenti della sua pittura. Assieme, esse hanno formato un binomio che affascina e che porta, chi si avvicina alla loro arte, a ritrovare in se stesso fremiti sconosciuti fino ad allora o che credevano perduti. Il lavoro di recupero ch’esse involontariamente o anche volontariamente operano è immenso, perché non c’è nulla di più bello di spingere un’anima ad aprirsi e rivelarsi. Maria Pia, nel descrivere i fatti ed i pensieri che l’hanno portata alla creazione del Laboratorio apre altresì le porte del suo passato, di cui ricorda i momenti migliori e più significativi. Nel riesumare la sua vita trascorsa a contatto con la natura, ella dimostra che non si può prescindere da essa quando si comincia a comprendere se stessi. Noi siamo un tutt’uno con la natura e, fin dalla fanciullezza, chi ha in sé la magia del sentirsi parte integrante della terra e delle sue bellezze, ha già in partenza la capacità di vivere in simbiosi col creato, di partecipare col suo ”piccolo io” alla magnificenza e alla gloria di una delle più belle creazioni divine. Il suo linguaggio semplice e pieno d’emozione è il veicolo più adatto per aprire se stessa, ma anche per suscitare nel lettore del suo scritto il desiderio di rapportarsi anch’esso a quella chiarezza e semplicità d’intenti, a quel moto sincero dell’anima di cui sono permeate tutte le sue parole. Non c’è bisogno di roboanti discussioni per convincere il prossimo, elucubrazioni mentali o di ostentati mezzi scrittori: basta un richiamo a guardarsi dentro, un ricordo che faccia trasparire dolcezza mista a saggezza, una descrizione d’un momento irripetibile d’un fatto qualsiasi, ma visto nel suo vero significato, per portare chiarezza e desiderio di conoscere se stesso e il mondo che lo circonda a chi legge. E Maria Pia l’ha fatto, col cuore in mano ed il desiderio ben radicato in lei di divenire la fonte a cui dissetarsi, lo scrigno in cui riporre inestimabili desideri d’amore.

 - OMAGGIO A FATTORITitolo: OMAGGIO A FATTORI

Tecnica: Olio su tavola di legno
[cm. 82 x cm. 152]
Anno: 2001
Prezzo: 1.750 euro

Note: L'Opera è stata dipinta con le dita

 - RIFLESSI NELL'ACQUATitolo: RIFLESSI NELL'ACQUA

Tecnica: Olio su tavola di legno
[3 pannelli - cm. 90 x cm. 90]
Anno: 2001
Prezzo: 2.500 euro

Note: L'Opera è stata dipinta con le dita

 - IL PAVONETitolo: IL PAVONE

Tecnica: Scultura
[cm. 10 x cm. 15 h. cm. 20]
Anno: 2006
Prezzo: 150 euro

Note: Scultura patinata in creta bianca con inserti di mosaico

 - LA PORTA DELLE EMOZIONITitolo: LA PORTA DELLE EMOZIONI

Tecnica: Pittura con smalti su legno
[cm. 2.50 x cm. 90]
Anno: 2004

Note: Il disegno è presente, in maniera diversa, su ambedue le facciate della Porta che si trova nella parte sottostante della sede dell'Associazione LABORATORIO EMOZIONALE nel Centro Storico a Roma, vicinissimo a via dei Coronari