Riccardo Battigelli Rickybatt espone su DIMENSIONE ARTE | Pag.1 ITALIANO

Le Opere

 - MaternitàTitolo: Maternità

Tecnica: olio su tela
[80x210]
Anno: 1957

Note: Una mirabile cromia compositiva che erompe da intensi blu stemperantisi in un insieme di tonalità di rossi di garanza, e delicati bianchi avorio che si mutano in infinite gradazioni dei rosa e dei violetti e di tutti i toni compositi della cromia di questo affascinante dipinto. Ne scaturisce la elegante postura delle due figure, la delicata tenerezza che proviene dal bambino, la gentile squisitezza e bellezza della figura materna che si rivelano, in questa composizione, non più attraverso l’insieme composito di geometrie strutturali adottate in altre opere di questo artista, ma bensì strutturando i soggetti facendoli emergere con qualcosa di magico e lirico dall’insieme cromatico, dove il segno scompare e la forma si plasma e si afferma nel reale emozionale e comunicativo. Si rivela una intima comprensione dell’amore materno. L’epoca di questo dipinto si identifica con quella della nascita del primo figlio dell’artista che poi lo perderà tragicamente nel 1992, mutando ancora una volta i destini familiari e delle attività lavorative.

 - Naturamorta: Il Segno del Tempo su cose dimenticateTitolo: Naturamorta: Il Segno del Tempo su cose dimenticate

Tecnica: olio su tela
[80x100]
Anno: 2006

Note: E’ del 2006, ma ha ripetuto un sogetto simile, come abbiamo già visto, diverse volte. E’ come se provasse una sorta di ossessione o di affezione particolare per questo soggetto, evocativo di infinite e emozionali riflessioni sui destini delle cose e sulle vicende del nostro esistere. E’ un dipinto che ancora ci sorprende per l’elevata qualità pittorica: una composizione degli elementi misurata, contemplata in una perfezione architettonica equilibrata nonostante la asimmetria dell’insieme e dell’accostamento dei singoli elementi e dei colori. Il rosso del vaso del coccio che contiene i fiori emerge dai toni più velati rispetto agli altri colori impiegati, ma subito si effonde, amalgamandosi nell’equilibrio armonico dell’intero dipinto, si compendia nella sapiente resa della trasparenza dei vetri caricati dalla polverosità dell’abbandono ma che nella loro accurata compostezza rivendicano l’uso antico per l’altrui ambita gloria. Le rose disseccate che si protendono come in un inchino per emanare un’ultimo commiato alle sorelle già cadute sulla mensola, le foglie come contorte nella fatalità dell’essere, si dedicano a noi consacrando i simbolici segnali del transito temporale dell’esistere ma che indicano anche la metafora del ciclo della perpetuità del tempo infinito. Il contenuto visivo ed emozionale di questo dipinto, come in tanti altri della produzione di questo pittore, è uno dei messaggi che attraverso l’apparenza reale del soggetto, ci conduce alla scoperta di valori e contenuti remoti, antichi, sepolti, polverosi, abbandonati ma rivificati dalla proiezione nel futuro, attraverso le riflessioni del presente.

 - Tuscia : Terre e colori di ToscanaTitolo: Tuscia : Terre e colori di Toscana

Tecnica: tempere e terre a olio
[50x70]
Anno: 2004

Note: Colori di Toscana in autunno. Terre e tempere in impasti a olio che formano il senso di immagini di un brano di Toscana che ci appare ancora non compromesso dal peso degli umani interventi ma che tuttavia ce ne fa intuire la conosciuta presenza oltre quel colle, in quella pianura che si intravede in un orizzonte voltato verso un cielo carico di nubi che comunque doneranno alla campagna l'acqua necessaria ad ogni vivere, a dispetto delle autunnali tempeste.

 - Nudo sulla rivaTitolo: Nudo sulla riva

Tecnica: encausti su legno
Anno: 2007

Note: " Colori di propria compostazione, fusi e encaustati in tavola di legno. Un disegno forte e inciso a fuoco che costruisce l'immagine in un apparente figurazione statica ma che invece assume una propria dimensione plastica....." da B.D.G. per info,tecnica: riccardo.battigelli@tiscali.it

 - Il ritorno delle Cavalle con i PuledriTitolo: Il ritorno delle Cavalle con i Puledri

Tecnica: olio su tela
[40x60]
Anno: 2008

Note: Si percepisce l’emozione che il Battigelli capta dagli elementi naturali a lui cari (paesaggi, alberi, acque, cavalli, boschi.....) e ce ne riconsegna un’immagine che sfiora anche il senso dell’epico e del sublime

 - ....IL TRAGICO ....DOPO...! Titolo: "....IL TRAGICO ....DOPO...! "

Tecnica: tempera a olio
[50x70]
Anno: 2004

Note: " ....è un'opera che induce a meditazione - Evento sconvolgente di brutalità, crudeltà, ferocia, abuso.. che sono causa di un tragico dramma interiore:...."dopo" ...." " Anche il segno grave e il colore delle pennellate della composizione, sono espresse in una essenziale composizione che va oltre alla ermetica interdizione della persona, racchiusa nel suo devastante dolore senza limiti, si sfalda nella figurazione come per farci partecipare a quella sofferenza, punendo noi nel nostro intimo perchè siamo appartenenti a una società che ancora compie e anche ^tollera^ simili azioni........-" " Il pittore è ricorso più volte a questo soggetto. La figura di donna accovacciata, serrata in qulla posizione di abbraccio ermetico, chiusa in se stessa, è come se volesse trattenere nella sua entità tutto il dolore e l'angoscia che ora la domina. O forse è ormai l'unico modo per opporre se stessa contro la perfidia e la violenza, ponendosi nell'unica difesa disperata del suo corpo inerme, chiudendo tutto in se. Quanti messaggi ci emette l'artista con quest'opera ? Forse esorta alla denuncia di tanto affanno e a trasferire e imporre ai responsabili il tormento di questa vittima sacrificale ? La composizione , apparentemente semplice, si evolve quasi esclusivamente nella vibrazione di un segno libero, fondendosi e poi riemergendo, lieve o intenso, da brume di ombre monocolore. Sembra che emettino all'esterno quel tormento angoscioso, imprigionato nell'anima." B.D.B.

 - Per Non Dimenticare (sessant'anni dopo)Titolo: Per Non Dimenticare (sessant'anni dopo)

Tecnica: olio su legno
[50x70]
Anno: 2004

Note: I giorni della Memoria........... Ricordare e non dimenticare nè far dimenticare. Questo è ciò che è necessario affinchè quel tragico evento non abbia mai più a ripetersi....- Ogni altro commento è non essenziale – il dipinto parla da se. – Ogni volto, ogni gesto, ogni pennellata di quest’opera rendono evidente alcune delle tante verità su quell’orribile dramma……… - quelle orbite dilatate e ormai vuote e deserte colmano i vuoti delle esistenze sacrificate in nome dell’odio e della incontentabilità ....- -….. quando scenderà la notte della vendetta sarà il vento del perdono a spazzar via i tanti attori dei rei commessi in nome del nulla …..- !

 - Maremma e MareTitolo: Maremma e Mare

Tecnica: olio su legno
[35x45]
Anno: 2005

Note: Una classica visione della Maremma Toscana con una particolare e insolita composizione visiva dei tre elementi figurati: il mare, il cielo, i pini: Tre elementi coniugati da quell'insieme di nuvole e brani di luce solare che ci avvince in fantasticherie emotive...- L'opera fa parte della Collezione Ruschena.

 - Rose sul TavolinoTitolo: Rose sul Tavolino

Tecnica: olio su tela
[50x50]
Anno: 2005
 - Nubi, Cipressi e TempestaTitolo: Nubi, Cipressi e Tempesta

Tecnica: olio su legno
[35x45]
Anno: 2004