Flavio Faraoni espone su DIMENSIONE ARTE | Biografia pag.688 ITALIANO

Critica

LA CRITICA SULL'ARTISTA FLAVIO FARAONI

Prof. Alfredo Pasolino.
....una risultanza signica scandita dalle simbologie dell’inconscio,
perseguite nella forma e dal colore efficacemente costruito…

Dott. Giorgio Falossi
….la liquefazione del colore avvolge la sua ritmica nel definire le composizioni simbolistiche trame di ragionata ricerca, dalle mille scansioni cromatiche alla ricerca dell’espressività informale…

Prof. Gerard Argelier
Osservando le opere di Flavio Faraoni si scopre il suo idioma creativo, sviluppato armonicamente dai vivaci accostamenti di colore. Una purezza segnica costruttiva che alimenta la sua forte espressione, dai motivi affrontati e risolti con immediatezza, spaziando fra le sue realtà interiori filtrando la figura ed il paesaggio con impronta suggestivi.

Prof. Mariarosaria Belgiovine
Un’attenzione rivolta alle sagome astratte dalla realtà, ed immerse negli sfondi interpretativi armonicemnte accostati; egli esaudisce il suo stile molto personale, fondendo realtà e fantasia in maniera significativa, interiorizzando le sue realtà con grande carica emozionale.
L’artista ricerca la formula simbolica dell’espressività stilistica, coinvolgendo colore e gestualità con grande capacità narrativa. trasformando i sogni in emozioni.

Dott. Gianluca Marziani
Evocazioni pittoriche ci catapultano nella tragedia della Storia, nel colore rosso che trasuda sangue senza il battito della passione, ormai ammutolito da un ricordo che torna gesto, colore, materia.
Le lontane memorie, sempre rianimate da ogni intolleranza individuale, trasmigrano nel cielo della contemporaneità: sopra i grattacieli di una città-circuito, luogo simbolo della macchina edificante, della costruzione sopra un altro cielo di un’altra epoca.
Ma quel cielo, uguale a se stesso lungo i tempi e i luoghi, ci ricorda ciò che non possiamo sconfessare, sottolineando ad ognuno di noi la macchia nera del passato collettivo.
Una colpa silenziosa che rinasce, futuro dopo futuro, nella pittura emotivamente coinvolta, vigile, poeticamente viva.

Simona Cresci
Le opere di Flavio Faraoni ci conducono in un mondo popolato da oggetti decontestualizzati dal loro consueto godimento ed inseriti, come per incanto, in supporti elaborati con diverse tecniche: dall' olio all' acritico, dallo smalto al collage e alla sabbia.
E' attraverso l'associazione di elementi diversi tra loro che l'artista si propone di rappresentare la sensibilità delle sue emozioni attraverso il sottile gioco dell' arte che in questo contesto non è più semplice rappresentazione, ma comunicazione vitale dell'individuo mediante simboli.

Miriam Marini

L’artista Flavio Faraoni tratta il ciclo "Buildings" dove,
usando materiali di scarto di componentistica elettronica, fra cieli colorati, fa svettare
palazzi con finestre che, come occhi penetranti, cercano di vedere un mondo interiore che i tempi moderni offuscano e rendono invisibile.
Palazzi alti di periferia, grattacieli, una umanità invisibile ma che si intuisce, una umanità piena di solitudine, che cerca di arrivare ora a cieli di un rosso dolorante, ora a cieli rosati e violetti: gli stati d'animo dell'artista che vuole rappresentare una umanità che cerca se stessa nella moltitudine che tutto appiattisce.
Anche in questo ciclo l'artista, ispirandosi ai fatti quotidiani, esprime la sua poliedrica creatività e fa in modo che, anche attraverso materiali non usuali nella pittura, venga rappresentata una realtà che è "sua", ma universale nello stesso tempo.


Prof. Gianni Latronico

La sua attività artistica sublime viene a coincidere con gli alti ideali ormai tramontati per tutti
Ma non per Flavio Faraoni che va oltre la parvenza delle cose
terrene per coglierne l'essenza.
L'artista prende le mosse dagli Impressionisti ed in particolare da Manet e Vincente Van Gogh per poi spaziare nell'intero universo artistico e ritrovare
se stesso libero da ogni influsso e corrente.
La sua nuova figurazione affonda le radici dentro di se, nella sua infanzia e nella sua anima, per poi elevarsi a cime vertiginose.



Paola Trevisan

Una componente determinante nelle opere di Faraoni è la continua ricerca dei diversi materiali, spesso combinati fra loro come la sabbia, lo smalto e l'acrilico ma anche il collage.
Tale continua sperimentazione consente all'artista di sfruttare la propria manualità e al contempo di esprimere al meglio le proprie considerazioni ed emozioni che cerca di comunicare allo spettatore mediante non un linguaggio reale ma che mantiene dei segni di realtà, quasi trasformati in simboli, facilmente riconoscibili perché l'urgenza comunicativa di Faraoni è evidente.

Gabriele Turola

Ogni opera di Faraoni va letta come un diario a colori che rispecchia le pulsioni della società odierna di cui l'artista si fa portavoce. I colori, a volte esplosivi come fuochi d'artificio, a volte sintetici, il gusto della stilizzazione ci ricordano, stilisticamente, il graffitismo di Keith Haring. Anche le immagini, le icone tecnologiche di Faraoni vanno a formare gli elementi di un archivio o di una memoria che abbraccia il mondo intero e che riguarda le esperienze, le tragedie, i sogni, l'energia creativa, le storie private e collettive che si intrecciano come gli ingranaggi di una macchina. Da qui deriva una pittura tecnologica e sofisticata, idonea a rappresentare i miti del mondo contemporaneo




http://www.dimensionearte.it
E-mail: info@dimensionearte.it